fbpx
  • No products in the cart.
View Cart
Subtotal: 0

Suggerimenti

Suggerimenti

Escursione in bici in Toscana da Firenze

Cerchi un escursione in bici in Toscana da Firenze? Ecco alcune idee per te.

Il ciclismo in Toscana è un’esperienza unica ed i ciclisti sono sempre i benvenuti. La Toscana è perfetta per il ciclismo ma soprattutto la Toscana è il luogo ideale per una vacanza intelligente e attiva.

Ogni itinerario ciclistico toscano è come una sequenza infinita di monumenti storici, opere d’arte, pezzi di cultura e paesaggi naturali sorprendenti. Pedalare in Toscana è come andare in bicicletta in un luogo progettato per ispirare, progettato per incantare. La bicicletta in Toscana è un’esperienza che tocca il cuore!

Ad ogni pedalata, lo sguardo e la mente sono catturati da qualcosa da ammirare. Che ci crediate o no, ma se state programmando un tour in bicicletta in Toscana, dovreste prendere in considerazione un po ‘di tempo in più per rilassarvi, per fermarsi e godere delle viste panoramiche, per assaporare il momento. Questo è il modo migliore per scoprire appieno l’anima toscana.

Il ciclismo in Toscana non è solo un’esperienza culturale e naturalistica, ma anche e soprattutto un’esperienza gratificante per il corpo e la mente.

Il clima in Toscana è generalmente mite ed è possibile pedalare 365 giorni all’anno.

Dato che la maggior parte dei turisti che visitano la Toscana passano per Firenze, condividerò con voi alcune idee per il vostro giro in bicicletta in Toscana, con Firenze come punto di partenza.

Tour in bici in Toscana da Firenze:

  1. Fiesole Bike tour – Questo itinerario ciclistico toscano inizia da Firenze e arriva fino a Fiesole. La distanza totale del tour è di circa 20 km. Il tour in bici inizia dal centro di Firenze e sale su una strada panoramica che porta a Fiesole. Questa strada faceva anche parte del campionato mondiale di ciclismo nel 2013. Una volta che arrivato a Fiesole, potrai godere di una fantastica vista dall’alto di Firenze. È impossibile non sostare sulle antiche panchine di pietra per alcuni minuti per godere la bella vista e scattare foto. Da lì, seguendo un’antica strada non asfaltata, è possibile visitare il Monte Ceceri. Questa montagna è famosa perché Leonardo da Vinci decise di provare qui, per la prima volta, la sua geniale macchina volante. Un luogo davvero stimolante soprattutto se conosci la storia e se, sfruttando l’immaginazione, riuscirai a “vedere” Leonardo all’opera. Per i ciclisti occasionali, suggerisco di usare bici elettriche (e-bike) perché il dislivello non è trascurabile (350mt).
  2. Chianti Bike Tour – Questo itinerario ciclistico toscano inizia da Firenze e arriva a Greve in Chianti o a Panzano per ciclisti più allenati. È un tour adatto per bici da strada; la distanza totale è rispettivamente di 60 e 70 km. Se arrivate a Panzano, il dislivello è di circa 800 metri. Nel fine settimana, è impossibile contare il numero di ciclisti che percorrono questa strada in bicicletta. Dai ciclisti più maturi che pedalano tranquillamente sulle loro bici vintage fino agli atleti che filano veloci come un treno, alla ricerca del record di velocità. Persone diverse con la stessa passione per il ciclismo e per questa fantastica area. Una sosta per un caffè a Greve in Chianti è d’obbligo. La salita a Panzano è panoramica, 5 km tra dolci colline e vigneti.
  3. Tour in bici di Siena da Firenze – Panzano è esattamente a metà strada tra Firenze e Siena. Se hai tempo puoi anche prendere decidere di proseguire fino a Siena e rientrare a Firenze in treno! Tra Greve in Chianti e Panzano ci sono diverse strade sterrate che conducono a luoghi magici, veri gioielli da non perdere come Badia a Passignano. Questa zona è anche molto famosa per il Chianti Classico; lungo la strada ci sono diverse buone cantine a conduzione familiare. Se vuoi fare una vera esperienza di degustazione di vini, questo è il posto perfetto.
  4. Da Lucca a Pisa in bici – Questo itinerario ciclistico toscano ti permette di prendere “due uccelli con una fava”. Questo itinerario inizia da Lucca e arriva a Pisa. Puoi raggiungere Lucca da Firenze in treno in meno di 1 ora. La distanza totale in bici è di circa 20 km. È una gita di un giorno, perfetta per visitare due splendide città che sono un marchio di fabbrica della Toscana. Durante questo tour in bici da Lucca a Pisa dovresti anche fermarti a visitare la Certosa di Pisa, conosciuta anche come la Certosa di Calci. Un ex monastero certosino, ora trasformato in un museo di storia naturale.
  5. Da Lucca a Viareggio in bici – Se la giornata è calda, puoi anche scegliere di andare verso Viareggio, seguendo una bella strada sterrata (facile) che ti porta al mare. Questa è la soluzione perfetta se vuoi cogliere l’occasione per un bagno in mare (spiaggia naturale e libera). Viareggio è una piccola città turistica che si affaccia sul Mar Mediterraneo. La lunga pista ciclabile che costeggia il mare è molto panoramica e ci sono molte opportunità di assaggiare pesce freschissimo.

Il tour in bicicletta in Toscana da Firenze è una grande opportunità in caso di soggiorni brevi. Se hai più tempo, puoi cogliere l’occasione per scoprire la Toscana in bici con altri itinerari. In questa mappa troverai nuove idee per un tour giornaliero in bici nelle principali località toscane come il Parco Naturale della Maremma in bici o il Parco Naturale del Casentino in bici.

Puoi trovare i nostri tour in bici in Toscana qui. Se stai cercando un tour in bici personalizzato in Toscana, faccelo sapere, faremo del nostro meglio per aiutarti.

Alberto Lombardi

Cicloturismo in Toscana – Suggerimenti

La Toscana è una terra incredibile. 7 siti patrimonio mondiale dell’UNESCOil patrimonio storico (musei, edifici di interesse storico, ecc.) di oltre 20.200 unità e gli 8 parchi naturali. Ovunque tu vada, sei sempre molto vicino a qualcosa di eccezionale.

Disegnare un vacanza cicloturistica in Toscana è come creare una meravigliosa collana. Perché?

Per fare una nuova collana, dobbiamo selezionare i gioielli che amiamo, trovare la sequenza perfetta per garantire la giusta armonia in termini di dimensioni e colori, e infine calibrare bene la giusta lunghezza del filo.

Allo stesso modo, quando creiamo un tour in bicicletta, selezioniamo prima i posti che vorremmo visitare, e aggiungiamo degli “stop” particolari per creare una storia, e con l’itinerario cerchiamo di “infilarli” un ad uno. Con passione.

La nostra passione, infatti, è di andare oltre un normale tour in bici in Toscana, cercando sempre itirerari nuovi, che sappiano raccontare una storia.

Selezioniamo con cura questi “stop” aggiuntivi anche con l’obiettivo di creare straordinarie opportunità di interazione con la comunità locali, sempre disposte a condividere – con notevole orgoglio – la storia del luogo in cui vivono.

Allora, quali sono i migliori itinerari in bici in Toscana?

DI seguito puoi trovare 5 suggerimenti.Ogni itinerario cicloturistico in Toscana ti permetterà di scoprire una dimensione diversa di questa magnifica regione.

1. Cicloturismo nel Chianti – Tour in bici giornaliero in Toscana

  • Principali caratteristiche del tour:  ottima opportunità “immersiva”, per ammirare il ​​paesaggio del Chianti, ricco di arte e storia.
  • Tipo di bicicletta: mountain bike elettrica, mountain bike muscolare o gravel.
  • Itinerario: Greve in Chianti, Panzano, Montefioralle, Badia a Passignano, Greve in Chianti.
  • Distanza complessiva: 22,8 km, dislivello 637mt.
  • Guarda l’itinerario in 3D.
  • Esperienze da aggiungere: la degustazione di vini è d’obbligo.
  • Le “mie” fermate speciali: l’abbazia “Badia a Passignano”, la “Strada Slow” per osservare il paesaggio del Chianti seduti su opere d’arte, visitare lo studio dell’artista, incontrare l’opera diffusa.

2. Crete Senesi – Tour in bici giornaliero in Toscana

  • Caratteristiche principali: forse uno dei migliori tour in bici della Toscana. Include anche un tratto del famoso tour in bici chiamato L’Eroica.
  • Tipo di bicicletta: mountain bike elettrica, mountain bike o gravel.
  • Itinerario: Asciano, Monte Sante Marie, Arbia, Vescona, Asciano.
  • Distanza complessiva: 40,1 km, Dislivello 798mt.
  • Guarda l’itinerario in 3D.
  • Esperienza da considerare: una sosta per un bagno in una sorgente termale naturale a Rapolano.
  • “Le mie” fermate speciali: via Leonina e “Terme San Giovanni

3. Costa Toscana – Tour in bici giornaliero in Toscana.

  • Caratteristiche principali: Parco Naturale di San Rossore, Pisa e Calci con la sua meravigliosa Certosa.
  • Tipo di bici: mountain bike elettrica, mountain bike o gravel.
  • Itinerario: Viareggio, Parco Naturale di San Rossore, Pisa e Calci.
  • Distanza complessiva: 41,2 km, Dislivello 194mt.
  • “Le mie” tappe speciali: Viareggio, con il suo Art Nouveau e “La Certosa” a Calci.

4. Via Francigena – Tour in bici della Toscana di più giorni

  • Caratteristiche principali: cicloturismo nel cuore della Toscana. Esperienza immersiva al 100%.
  • Tipo di bici: mountain bike elettrica, mountain bike o gravel.
  • Itinerario: Lucca, San Miniato, San Gimignano, Monteriggioni, Siena.
  • Distanza complessiva: 133 km, Dislivello 2100mt.
  • Esperienza da considerare: “Perdersi” a piedi nei centri storici di San Gimignano e Siena per godersi questi incredibili siti UNESCO.
  • “Le mie” soste speciali: bagno refrigerante alle “Caldane” antiche sorgenti termali, pici al “Bar dell’Orso” a Monteriggioni.

5. Isola d’Elba – Tour in bici della Toscana di più giorni

  • Caratteristiche principali: dalle alte scogliere si godono panorami mozzafiato dell’arcipelago Toscano, tuffi in acque cristalline.
  • Tipo di bicicletta: bici da strada, mountain bike elettrica, mountain bike, gravel.
  • Itinerario: Portoferraio, Marciana Alta, Marina di Campo, Porto Azzurro, Cavo, Portoferraio.
  • Distanza complessiva: 117.6km, Dislivello 2879mt.
  • Esperienza da considerare: abbandonarsi al relax su una spiaggia qualsiasi e mangiare pesce fresco!
  • Le “mie” soste speciali: Capo Sant’Andrea detto anche “l’isola nell’isola” e la “Spiaggia nera“.

Domande frequenti

Qual è il periodo migliore per il cicloturismo in Toscana?

A meno che non sia un brutto giorno di pioggia o estremamente freddo, in Toscana il ciclismo è piacevole e praticabile tutto l’anno. L’inverno (bassa stagione) è perfetto per godersi il territorio approfittando dei prezzi più vantaggiosi evitando anche le lunghe code tipiche del periodo estivo. La stagione invernale in Toscana è straordinaria per i cicloturisti che hanno voglia di esplorarla; basta avere la giusta bici e l’equipaggiamento adatto. Da aprile a ottobre, la temperatura è generalmente mite e il ciclismo è una gioia per tutti. In agosto, è consigliabile partire la mattina molto presto per evitare le ore più calde della giornata.

Il cicloturismo in Toscana è adatto alle famiglie? In bicicletta con i bambini.

In Toscana, ci sono diversi itinerari che sono adatti alle famiglie tuttavia la maggioranza dei percorsi più famosi sono piuttosto collinari e non ideali per i bambini (meno di 12 anni).

Se i bambini hanno meno di 12 anni suggerisco i seguenti 4 itinerari:

  • Pista ciclabile dell’Arno: si può andare dalle Cascine, nel cuore di Firenze fino a Signa e ritorno. Percorso piatto, facile, chiuso alle macchine. A Signa, c’è anche l’opportunità di godere di un bel parco – con un piccolo lago – perfetto per i bambini. Il parco si chiama “Stato libero dei Renai“.
  • Parco Naturale dell’Uccellina – quasi piatto. Molto bello. Ottimo in estate perché piuttosto ombreggiato.
  • “Pineta di Viareggio” – È un parco perfetto per i bambini. Molteplici opportunità di noleggiare biciclette divertenti per bambini, tra cui una specie di bici su cui pedalare da seduto con 3 ruote. Molto, molto divertente!
  • Da Viareggio alla foce del Serchio. Percorso piatto, facile, si pedala praticamente a pochissimi metri dalla spiaggia. Ogni momento è buono per una sosta ed un tuffo in mare.

Che tipo di bici dovrei usare per il cicloturismo in Toscana?

La bici da corsa è perfetta ma limita i tuoi itinerari alla strada. Per essere più flessibile io prediligo la mountain bike che ha anche una posiszione in sella più comoda soprattutto per chi non è un ciclista abituale. Suggerisco sempre di prendere in considerazione l’uso di una e-bike; di sicuro è l’opzione migliore soprattutto se abbiamo amici o familiari la cui preparazione fisica non è uniforme. Le e-bike permetteranno a tutti di godere il giro in bicicletta senza stress fisici o emotivi.

Cicloturismo in Toscana, meglio da soli o con la guida?

A meno che tu non sia un grande appassionato di tour fai-da-te, suggerisco sempre di appoggiarsi ad un bike operator locale e certificato. Tutto sarà facile e sicuro (logistica della bici, itinerario, risoluzione di imprevisti ecc.). Ed il risultato garantito. Allo stesso modo, avrai l’opportunità di imparare più cose sui luoghi che stai visitando. La guida ti aiuterà a capire meglio il percorso, e questo è un grande valore aggiunto ma soprattutto una guida certificata ed esperta è anche in grado di modificare l’itinerario per soddisfare le tue curiosità ma anche per gestire eventi non pianificati.

Il tuo tempo durante le vacanze è molto prezioso, e noi lo sappiamo. Se stai cercando una esperienza di cicloturismo in Toscana, consulta la nostra pagina dedicata!

Se hai domande, contattaci. Saremo ben lieti di aiutarti un qualsiasi modo.

Strade bianche

Hai mai provato a percorrere in bici una delle Strade Bianche in Toscana?

Adoro il rumore che fanno le gomme della bici sulla strada bianca, il modo in cui i piccoli sassi scricchiolano ha qualcosa di magico.

Forse questo rumore mi porta indietro nel tempo, quando da bambino insieme ai miei amici, andavamo in bicicletta per ore, nella grande pineta della città di Viareggio.

Ricordo ancora quella sensazione di spensieratezza mentre andavo in giro, godendomi la giornata all’aria aperta, al sole, senza bisogno di altro. Quando la bicicletta era la nostra astronave… il nostro orgoglio.

Ancora oggi la bicicletta rimane un oggetto che mi fa sognare, con cui amo viaggiare.

Pedalare sulle strade bianche, sui sentieri panoramici e polverosi è davvero un’esperienza affascinante, il profilo dolce delle colline toscane corteggia lo sguardo che si perde in un carosello di immagini che ubriaca.

Nel silenzio, lontano dal caos della città, la mente è in sincronia con la natura, e lo sguardo riesce a spingersi lontano, volando sulle colline, in una ricerca avida di panorami, forse nella vana speranza di creare dei fermo-immagini da poter ricordare.

Le strade bianche della Toscana si snodano tra vigneti e uliveti, attraversano valli silenziose e boschi selvaggi, le strade bianche sono delle “vie privilegiate” che consentono di esplorare la campagna toscana, come protagonista.

Alcuni consigli per un tour in bici sulle strade bianche della Toscana.

  • Regola la pressione dei pneumatici per il miglior contatto con il terreno (se le gomme sono molto gonfie, meglio ridurre la pressione. La gomma leggermente meno gonfia migliora la presa sul terreno del pneumatico).
  • Non dimenticare le 10 cose che dovresti avere con te nel tuo zaino da ciclismo.
  • In salita, è fondamentale mantenere il peso ben bilanciato sulla bici in modo da garantire che la ruota posteriore non perda la trazione sul sentiero.
  • In discesa, mantieni la velocità sotto controllo e controlla gli ostacoli. Le strade bianche talvolta hanno lunghe discese e bisogna far attenzione a non esagerare con la velocità soprattutto se non sei un ciclista esperto.
  • Nel caso in cui sentiate che le ruote perdono aderenza non frenare bruscamente! Rallenta un pò ma soprattutto guarda avanti, nella direzione in cui vuoi andare (non guardare in terra o nel punto interno della curva).
  • Se incontri un cavallo, fermati. Se hai le luci della bici accese spegnile. Soprattutto se sono lampeggianti. Procedi solo se/quando la persona a cavallo ti autorizza a farlo. I cavallo sono animali dolcissimi ma se si spaventano possono essere pericolosi.

Uno dei miei tour preferiti sulle strade bianche parte da Asciano. Da lì si prende una strada meravigliosa, parte della corsa ciclistica dell’Eroica. Poter condividere questa esperienza con gli altri è bellissimo, e ancora di più leggere dai loro occhi le emozioni che questi panorami suscitano.

Ti piacerebbe vivere l’esperienza di un tour con e-bike sulle strade bianche dell’Eroica? Un viaggio indimenticabile che grazie alla e-bike diventa alla portata di tutti.

La vacanza in bici con famiglia

Concentriamo subito l’attenzione su 3 fattori chiave da valutare durante la fase di pianificazione.

Adoro le vacanze in bici con la famiglia, e credo fermamente  che questo tipo di esperienza sia davvero un’incredibile opportunità per sperimentare un modo nuovo di stare insieme, sia grazie al contesto naturale e stimolante, che al divertimento che coinvolge e accomuna l’intero gruppo familiare. Un grande gioco da fare tutti assieme.

Il tour in bici – per esempio in Toscana – dove però essere pianificato attentamente, prendendo in considerazione alcuni aspetti importanti.

3 fattori – 2 elementi positivi da sfruttare ed 1 punto su cui fare attenzione.

1 – I tour in bici con la famiglia creano ricordi indelebili.

Nella vita di tutti i giorni, siamo occupati con il corpo e con la mente su mille fronti. Talvolta rischiando anche di perdere l’opportunità per connetterci e relazionarci con gli altri.

Mentre pedaliamo, non c’è fretta, iniziare a conversare è spontaneo. Immersi in un ambiente meraviglioso e stimolante, la percezione dello spazio che ci circonda, della libertà, delle cose semplici aiutano a liberare la mente e ci apriamo, sia a condividere i nostri pensieri che ad ascoltare quelli degli altri.

E’ davvero cosi! In bicicletta ho avuto modo di fare conversazioni molto intense e spontanee. Spesso queste conversazioni diventano momenti di condivisione indimenticabili. 

Ed i bambini? diventano un fiume di pensieri… divertente e stimolante volare con la loro fantasia.

Dopo un bel giro in bicicletta si prova un senso di compiuto, di soddisfazione… molto gratificante.

2- Il tour in bici con la famiglia è un tour lento, rilassante.

Qualcuno ha detto che chi viaggia in bici può arrivare allo stato di rilassamento mentale profondo. Io credo davvero che i tour in bicicletta siano un ottimo stimolo per la rilassare la mente. Il viaggio in bici è un viaggio lento, e questo ci costringe piacevolmente a rallentare, a sentire il nostro corpo, il nostro respiro. Ci permette di entrare in armonia con l’ambiente, di prendere tempo per esplorare la storia e la cultura locale, e magari imparare qualcosa di nuovo o di divertente ingaggiando una semplice conversazione con qualcuno del posto.

3 – Attenzione ai diversi livelli di preparazione fisica.

In famiglia, è normale che il livello di preparazione fisica sia disomogeneo.

In passato mi è capitato infatti di vedere alcuni membri della famiglia in bici mentre gli altri raggiungevano il punto di arrivo con altri mezzi. Questa non è la “vacanza in famiglia” che noi vorremmo.

Ecco perché io sono un vero fun delle bici elettriche (e-bike). Le E-bike consentono a tutti di partecipare e mantenere un livello piacevole di velocità eliminando l’ansia. “Riuscirò a stare al passo con gli altri?”, la risposta è SI. 

Il costo del noleggio di una e-bike è un po ‘più alto rispetto alla bici standard, ma ne vale la pena.

Vi sono molti altri fattori che sono rilevanti per il successo della tua esperienza all’aperto in Toscana. Solo per citarne alcuni:

  • esperienza della guida MTB;
  • qualità delle bici;
  • non solo bicicletta: è importante avere attività aggiuntive da fare come lezioni di cucina, degustazione di vini e relax … come una SPA.

Ho ancora fresco il ricordo di una vacanza in bici con la mia famiglia nel 2013.

I miei figli erano davvero piccoli, ma assolutamente desiderosi di fare questa esperienza. Loro ricordano ancora quella vacanza con un certo senso di orgoglio per essere riusciti a portare a termine una simile “sfida”. Con un’attenta pianificazione, abbiamo impostato le distanze giornaliere, i dislivelli ed i ritmi affinchè fossero adatti a loro.

Se non sei un esperto del posto, fai attenzione, è assai facile sottovalutare questi aspetti, soprattutto il dislivello.

Nel nostro bike tour, le giornate in bicicletta si alternavano con giornate di svago, relax o cultura (zoo, SPA, musei ecc.)

I nostri tour in bici sono progettati con lo stesso spirito, e con lo stesso amore. Vogliamo mescolare l’avventura in bici con le altre meravigliose opportunità che questa splendida regione ci offre.

Dai un’occhiata alla nostra pagina dei tour in bici in Toscana e vedi se trovi quella che stavi proprio cercando.

Se vuoi fare qualcosa di diverso, allora contattaci, insieme progetteremo la vacanza che stai cercando.

6 regole per un indimenticabile tour in bici in Toscana con il tuo partner

Stai cercando idee per un fine settimana in Toscana? 

Se vuoi passare 2 giorni in modo davvero inconsueto, facendo sport e con un pizzico di avventura, allora questa idea potrebbe fare al tuo caso.

Un tour in bici con il tuo partner è una grande opportunità per divertirsi insieme e aumentare la sintonia.

Per trasformare il tuo tour in bici in un’esperienza indimenticabile, è importante essere consapevoli di alcuni aspetti critici che potrebbero diventare fonte di tensione.

Condivido qui 6 suggerimenti basati sulla mia esperienza personale.

Una volta individuati gli aspetti su cui fare attenzione, la soddisfazione che questo genere di esperienza regala è davvero travolgente.

Tra lavoro, famiglia e tutto il resto, può essere difficile trovare il tempo da trascorrere insieme. Per questo motivo, considero il week end in bici con il partner come un momento per ricaricare le batterie insieme in modo dinamico e sano.

Adoro tutti i tipi di bici, sia quelle da strada, che le mountain bike. Mi affascinano le lunghe escursioni con ritmi blandi, ma anche le gare un po pazze come le competizioni in mountain bike da 24 ore o le gare di triathlon.

Per questo motivo, mia moglie, quando le chiesi per la prima volta di fare un tour in bicicletta in Toscana insieme a me, era assai dubbiosa.

Nonostante i miei ottimi propositi, la nostra prima volta non fu un gran successo. Anzi. Fortunatamente, grazie ad una  seconda chance (ah, l’amore!) riuscii a recuperare alla grande. Avevo imparato la lezione!

Il mio scopo è veramente di condividere con te gli aspetti che avevo inizialmente sottovalutato affinchè tu possa vivere un week end in bici con il tuo partner senza commettere i miei errori.

Se il tuo partner non è un appassionato di bici,  ma ha manifestato un certo interesse per la tua proposta di tour in bici, allora hai una grande possibilità e la devi giocare bene!

Attento – La probabilità che tu commetta errori è direttamente proporzionale alla tua abilità e amore per la bici.

Mi spiego meglio, più ami la bicicletta e le pedalate lunghe e dure, più è alto il rischio di sottovalutare gli aspetti critici.

Week end in bici in Toscana – 6 elementi da considerare per il perfetto tour di coppia:

  1. L’entusiasmo è positivo, ma troppo entusiasmo è un problema. È facile dimenticare quanto ti ci sia voluto per diventare abile con la bici, e nell’entusiasmo di mostrare al tuo partner quanto è divertente e facile andare in bici, potresti rischiare di pedalare ad una velocità inadeguata o scegliere percorsi bellissimi ma troppo tecnici. E questo non è sicuramente l’approccio giusto.
  2. La spiegazione dei vari aspetti è utile ma non sommergere il tuo partner con troppe informazioni. Inizia prima dalla spiegazione di aspetti base e assicurati che il tuo partner le abbia acquisite prima di proseguire con il “livello II”.
  3. Goditi il panorama e rilassati. Il tuo obiettivo è che il giro sia divertente e che sia il primo di una lunga serie. Ricorda, è facile per i ciclisti esperti pedalare troppo velocemente senza rendersene conto.
  4. Prevedi delle soste con “qualcosa di speciale” da vedere o da fare. Alternare la pedalata con soste per un museo, un caffè in un posto tipico, o semplicemente per godere di un panorama paga!
  5. La qualità della bici può fare la differenza. Bici in perfetto stato e possibilmente di tipo e-bike. In questi casi, le e-bike fanno la differenza.
  6. Abbigliamento da bici di qualità soprattutto i pantaloncini con buon fondello. È anche l’occasione per un regalo inaspettato.

A volte, le esperienze positive vissute in vacanza possono dare nuovi spunti alla coppia e magari scoprire un nuovo modo di stare insieme, un modo sano e divertente, che potrebbe significare l’inizio di un nuovo capitolo.

Noi offriamo diversi tour in e-bike in tutta la Toscana che ti permetteranno di scoprire la regione con un ritmo rilassato, romantico, salutare in assoluta sicurezza.

Il nostro mix di essenze, come la degustazione di vini, visite ai musei o la meravigliosa sosta nella SPA supereranno le tue aspettative.

Dai un’occhiata ai nostri tour in Toscana con l’e-bike e chiamaci se desideri maggiori informazioni.

Se stai cercando qualcosa di diverso/speciale saremo felici di aiutarti a materializzare i tuoi sogni! 

Sunday in Tuscany - Bike tour with my wife

Nel tuo zaino da bici hai davvero tutto quello che serve?

10 cose che dovresti avere nello zaino da bici per un tour giornaliero in bici.

Oggi vorrei condividere con voi la lista di oggetti che – in base alla mia esperienza – sono indispensabili per essere ben equipaggiati prima di partire per un giro in bici. Sia per tour su strada che off-road.

Prima di tutto, ogni ciclista dovrebbe avere il proprio zaino da bici. È molto importante che ogni individuo sia autonomo e abbia facile accesso al kit di oggetti personali come occhiali da sole, fazzoletti, macchina fotografica e telefono, solo per citarne alcuni.

Anche i ragazzi devono avere il loro (piccolo) zaino per la bici. Lo zaino simboleggia indipendenza, ma anche fiducia e forza (portare un peso sulle spalle).

In generale le “mamme”  tendono a preparare lo zaino seguendo lo “stile Mary Poppin”, ovvero portando borse con milioni di “cose” pronte per ogni evenienza.

Questo è ciò che chiamo ‘approccio non si sa mai, potrebbe servire’.  Ricordo ancora la borsa di mia madre: la gamma di oggetti che portava con sé era impressionante, da un kit da cucito ai cerotti, da qualcosa da mangiare ai fazzoletti, l’acqua, il pettine e moooolto di più.

Sfortunatamente, non è consigliabile portare sulle spalle uno zaino pesanti durante un tour in bicicletta.

Pedalare con una pesante zavorra è decisamente sconsigliabile e deve essere evitato quanto più possibile.

L’elenco degli articoli riportati di seguito è stato prodotto assumendo di fare una escursione in bici lenta e che saremo in una zona in cui sarà facile trovare un posto dove riposare e/o riempire la nostra bottiglia d’acqua.

Zaino da bici. Elenco degli oggetti:

  1. Cibo e bevande – Che si tratti di cibo “vero” o barrette energetiche o gel. È fondamentale avere qualcosa da mangiare in caso di necessità. Per bere esistono molteplici soluzioni che aiutano a reintegrare i sali. Dipende molto dall’intensità dello sforzo, dalla temperatura esterna etc. In ogni caso con l’acqua non si sbaglia mai. Buona anche per rinfrescarsi la testa.
  2. Kit di pronto soccorso + informazioni mediche e numero di un familiare da contattare in caso di emergenza.
  3. Kit di riparazione – Articoli di base necessari per districarsi in piccole riparazioni e riparare gli pneumatici forati, un buon kit multiuso (che contiene un piccolo set di cacciaviti e brugole di varie forme e dimensioni, coltellino), una buona pompa (da provare prima), un paio di camere d’aria (con la valvola compatibile con la pompa che abbiamo nello zaino), cava-fascioni, toppe adesive per riparare la camera d’aria, nastro adesivo robusto, smagliacatena (con falsa maglia), olio lubrificante, fascette.
  4. Mappa cartacea del luogo che si sta visitando come backup nel caso in cui il GPS / telefono esaurisca la batteria
  5. Crema repellente contro le zanzare (soprattutto durante la stagione estiva)
  6. Occhiali da sole per la protezione degli occhi anche da polvere e piccoli arbusti.
  7. Telefono (e power bank se disponibile)
  8. Giacca a vento, piccola e arrotolabile. Meglio se traspirante, specialmente nel caso in cui sia necessario indossarla per molte ore.
  9. Protezione solare.
  10. Fazzoletti di carta.

Un articolo che ho recentemente aggiunto al mio “kit per la bici” è lo spray anti-aggressione come estrema difesa dagli animali selvatici. Non ho mai subito aggressioni da animali aggressivi, ma questo spray è sicuramente utile per la mia tranquillità.

Ulteriori suggerimenti per il tuo zaino da bici:

Come imballare il contenuto.

A meno che tu non abbia uno zaino impermeabile o una copertura impermeabile, la mia raccomandazione è di mettere separare gli oggetti e di proteggerli in una piccola busta di plastica per tenere tutto asciutto e pulito. Gli oggetti che pensi utilizzerai più frequentemente dovrebbero essere facilmente accessibili.

Stai pensando di acquistare un nuovo zaino da bici?

Assicurati che l’area in cui lo zaino entra in contatto con la tua schiena abbia una struttura incorporata che tenga distante lo zaino dalla schiena, permettendo all’aria di circolare e di mantenerti più fresco. In termini di capacità – per un tour di 1 giorno – 8/10 litri dovrebbero andare bene. Spesso questo tipo di zaini sono dotati anche di una borsa/sacca dedicata per l’acqua (circa 3 litri).

La posizione di guida è molto importante.

Più la schiena è piegata in avanti, più sarà faticoso sostenere lo zaino. Nel cicloturismo, avere una posizione più eretta aumenta decisamente il comfort.

In caso di dolore alla schiena, valuta la possibilità di alzare il manubrio.

A questo punto il tuo zaino è davvero pronto e ben equipaggiato per il bike tour, ed è tempo di portarlo con te in un’esperienza avvincente.

Io adoro il mio zaino. Specialmente quando esco per tour di più giorni.

Ti piacerebbe fare un’esperienza di viaggio con la bici, i borsoni ed il tuo fidato zaino? Noi abbiamo dei tour che ti faranno innamorare ancora di più delle e-bike e della Toscana.

Non esitare, prova ora questa meravigliosa esperienza. 

Guarda per esempio il tour 3 giorni sulla Via Francigena. Soddisfazione al 100%.

3 motivi per cui dovresti provare un e-bike

Sottotitolo: un Ironman su e-bike.

  1. La bici elettrica a pedalata assistita è molto divertente.

  2. La bici elettrica a pedalata assistita è più divertente di quanto pensi.

  3. La bici elettrica a pedalata assistita ti farà innamorare.

Qualche settimana fa ho invitato Leonardo Nocentini, uno dei miei migliori amici, a partecipare a un tour in bici in Toscana con le mie e-bike.

Volevo avere la sua preziosa opinione sul tour, sulle bici, ecc.

Lasciatemi dire che Leonardo non è “uno di noi”, è uno dei triatleti più forti del mondo. Ha preso parte 2 volte alla finale mondiale di Ironman a Kona (Hawaii).

Indipendentemente dalle super-gambe di cui è dotato, Leonardo era davvero entusiasta di provare le mie bici a pedalata assistita, infatti ha immediatamente accettato l’invito ad accompagnarmi in un tour giornaliero in e-bike in Toscana.

Appena saliti sulle bici, con la coda dell’occhio, lo osservavo attentamente per cercare di leggere subito cosa stesse pensando, basandomi sulla sua espressione facciale .. anche perché Leonardo è una persona molto trasparente.

Un grande sorriso

Dopo pochi metri, sul suo viso ho notato… un grande sorriso. Voltandosi verso di me, era evidentemente molto sorpreso di quanto fosse divertente pedalare con questo tipo di bici.

Una vera gioia anche per me! Il fatto che qualcuno come Leonardo apprezzi  la bici elettrica a pedalata assistita per un tour in bici, è la prova che le e-bike sono davvero divertenti e sono per tutti!

La cosa (soprattutto) divertente è che finalmente ero in grado di eguagliare il passo di Leonardo …  grazie all’aiuto aggiuntivo dalla mia e-bike! Lui pedalava con bassa assistenza del motore, io avevo impostato l’assistenza media.

E tu, hai mai pensato di usare una bici elettrica per il tuo prossimo tour in bici in Toscana?

4 considerazioni … Fidati di me, l’e-bike può aprire orizzonti impensabili. Provare per credere!

4 considerazioni sul perché dovresti valutare la bici elettrica per un bike tour in Toscana:

  • Coppie – Sulla base di recenti statistiche (Bike Summit 2019 di Legambiente), il 35% dei turisti in bicicletta è costituito da coppie che spesso hanno diversi livelli di allenamento/condizione fisica. A volte il coniuge meno allenato perde l’entusiasmo e alla fine rallenta o pedala restando molto indietro. E questo non è affatto piacevole, per nessuno.
  • Famiglia – I bambini o i nonni non possono avere la stessa velocità o coprire la stessa distanza del resto della famiglia. Le e-bike sono la soluzione perfetta e divertente per condividere un’esperienza in bici anche con livelli diversi di allenamento.
  • Ciclisti alle prime armi – Alcuni ciclisti novelli hanno (giustamente) timore di non essere capaci di stare al passo col resto del gruppo, di rallentare gli altri, di faticare oltre la soglia del divertimento. Grazie alle e-bike questo timore scompare, quando serve, la bici ti aiuta permettendoti di godere appieno del panorama, della compagnia e della giornata all’aria aperta.
  • Ciclisti esperti – Anche i ciclisti esperti potranno godere dei vantaggi di una e-bike. In questo caso, il piacere è soprattutto legato alla possibilità di condividere la loro passione per la bici con il proprio partner, amici o conoscenti.

Questo è il vero punto di svolta!

Abbiamo diverse splendide escursioni in e-bike in Toscana, da 1 giorno a 5 giorni che combinano l’esperienza sportiva in bici con arte e storia, natura, cibo e benessere.

Il nostro obiettivo è di farti vivere una vacanza in Toscana che sia attiva che divertente. Vogliamo superare le tue aspettative!

Scopri i tour che abbiamo a disposizione per te e non esitare a contattarci se vuoi un tour su misura!

Vuoi maggiori dettagli sulle nostre e-bike? apri la scheda!

Attività di team building all’aperto in Toscana

Hai mai visto il “grande capo” sudare ed agire fuori dalla sua zona di comfort durante un evento di team building? Io l’ho fatto ed è stato molto divertente, ma anche un’esperienza di apprendimento senza precedenti.

Il programma del nostro team building era stato tenuto segreto fino all’ultimo, ma sapevamo che si trattasse di un’attività di team building all’aria aperta. Ero davvero desideroso di vedere i suoi comportamenti in questa circostanza senza dubbio unica che si prometteva anche divertente.

Sì, quando sei un leader, tutti ti guardano sia in ufficio che fuori.

Questo è un onore, ma è anche una grande responsabilità. Personalmente volevo davvero vedere se “il boss” sarebbe stato capace di adattarsi a quanto richiesto da questa attività così stravagante, e continuare ad essere il leader che ho conosciuto e sempre ammirato.

Questa attività di team building all’aperto era un evento che coinvolgeva l’intero team, non solo il capo. Al team event erano stati invitati molti dipendenti, alcuni dei quali  li conoscevo soltanto di vista.

Una giornata fuori ufficio.

Lontano dall’ufficio, immerso nella campagna toscana, il nostro look era molto diverso dalla “divisa” di tutti i giorni. Quasi tutti indossavamo jeans e scarpe da ginnastica.

In quel contesto, il modo di approcciarsi ai colleghi cambia, dando maggior risalto al loro “lato umano”.

In fondo è risaputo, capita che in certi casi vengano indossate delle “maschere”, magari per proteggersi o per paura di non essere accettati. 

L’attività di team building all’aperto fu molto divertente e questo ci permise di creare un’atmosfera rilassata e di grande condivisione. 

Grazie anche all’ambiente naturale in cui eravamo immersi e all’attività divertente fu molto più facile superare alcune “sfide”, aumentando soprattutto la nostra capacità di ascoltare e collaborare.

Osservazioni

Ricordo ancora una ragazza neo assunta, molto riservata e timida al lavoro che diventò improvvisamente un “leone”, in grado di guidare con la grinta di un condottiero i suoi compagni di squadra in questo “gioco di ruolo” dimostrando grande capacità di coordinare il gruppo e di negoziazione.

E il capo?

Fece un passo indietro, per dare spazio agli altri che, durante l’esercizio, erano in grado di guidare la squadra  meglio di lui, mettendosi a disposizione come “soldato semplice” con grande simpatia.

Nei giorni successivi a questa attività di team building, la collaborazione tra colleghi era più marcata, e l’atteggiamento molto più positivo su tutta la linea.

Un team building di successo dovrebbe davvero mirare a creare le condizioni per “sbloccare” il valore della collaborazione tra i lavoratori, allo scopo di creare un ambiente basato sulla fiducia reciproca, la collaborazione, più aperto e positivo.

Una nuova opportunità per tutti, pensando insieme, facendo leva sulle prospettive e i contributi reciproci, della diversità, in modo che emergano nuove idee creative.

Il team building è sia un’arte che una scienza ed il leader che sa costantemente creare team dalle alte prestazioni, vale il suo peso in oro.

In Tuscany Quintessence amiamo l’attività di team building all’aperto; possiamo aiutarti a identificare le esperienze che meglio rispondano alle tue esigenze, aiutandoti dalla pianificazione allo completo svolgimento.

Per tutti i budget!

Ospitare amici o parenti dall’estero? Un suggerimento per te …

Ospitare amici o parenti dall’estero? Un suggerimento per te …

Questo post è dedicato principalmente a coloro che vivono in Toscana e ricevono frequenti visite di amici e parenti da altri paesi.

Sottotitolo: intrattenere gli ospiti per un periodo prolungato? può diventare una specie di lavoro part-time!

Il fatto che tu viva in Toscana è certamente un grande incentivo per amici e parenti per decidere di venire a farti visita. Ospitare amici e parenti è sempre un grande piacere! Per circa 6 mesi ho vissuto negli Stati Uniti e ricordo ancora la sensazione di orgoglio di mostrare “i miei Stati Uniti” ai miei amici e parenti.

Allo stesso tempo, qualche volta è stato anche un po’ frustrante, perché il desiderio di trascorrere del tempo con loro non sempre coincideva con il tempo che potevo dedicargli a causa degli impegni lavorativi.

Quando la visita era di pochi giorni, contavo molto sulla loro indipendenza, fornendo la mia lista di “luoghi da visitare” suggerendo anche la sequenza dei luoghi da visitare per ottimizzare la logistica di viaggio con tutti i relativi dettagli come tempo di apertura/chiusura, costi, gestendo al meglio anche le loro aspettative sul mio coinvolgimento.

Per lunghi soggiorni, la cosa che ha riscosso maggior successo è stata quella di suggerire una ‘mini vacanza’ nella vacanza. Si, in alcuni casi, un’escursione di pochi giorni ha rappresentato la soluzione perfetta per soddisfare il loro desiderio di visitare il territorio (soprattutto per i viaggiatori che venivano da lontano) ma anche per alleviare un pò la “pressione” di dover intrattenere gli ospiti per un periodo prolungato.

Suggerire una mini vacanza richiede cura e attenzione. Ho cercato sempre di suggerire una mini vacanza che contenesse tutti gli ingredienti fondamentali per esplorare, assaporare, e divertirsi curiosando con un occhio sempre rivolto alla sicurezza.

In Toscana, una mini vacanza dovrebbe includere momenti di qualità dedicati al cibo e al vino locali, così come la visita ad alcuni dei nostri gioielli come le città d’arte e/o musei.

Una recente analisi delle tendenze del turismo ha messo in risalto 5 caratteristiche principali della “vacanza ideale”.

La parola chiave è “esperienza” e in particolare:

  1. Personalizzazione dell’esperienza di viaggio
  2. Uscire dai ‘soliti itinerari’ per vedere o fare qualcosa di nuovo
  3. Vacanza attiva e all’aperto
  4. Attività adrenaliniche
  5. Interazione con le persone del posto

In termini di mini-vacanza, in Toscana, ci sono diverse opportunità incredibili ma forse il tour in bicicletta è davvero una possibilità eccellente in grado di soddisfare tutte e 5 gli aspetti. O almeno in base alla mia esperienza.

Un tour in bici permette di godere della bellezza della campagna Toscana in modo rilassato. Grazie all’impiego di biciclette elettriche, l’opportunità è alla portata di tutti, dai novelli ciclisti ai ciclisti estremi. Provare per credere!

L’e-bike aumenta l’opportunità di fare cicloturismo in modo sereno e sostenibile.

Sei fortunato e hai tempo da trascorrere del tempo con i tuoi ospiti? Perfetto, questa è LA SCUSA PERFETTA per unirsi a loro per un tour in bici in Toscana, per esplorare luoghi che hai sempre visitato magari “dalla finestra” della tua auto.

Portiamo i nostri ospiti fuori dal centro delle città!

La stragrande maggioranza dei turisti sogna la campagna toscana, ma raramente ha l’opportunità di visitarla realmente.

Fai in modo che i tuoi ospiti siano privilegiati, suggerisci loro un tour in bici in Toscana, magari uno dei nostri tour in ebike.

A volte la logistica associata ai bike tour è complessa. Il nostro obiettivo è di renderti le cose semplici e di creare le condizioni perfette per una vacanza INDIMENTICABILE in Toscana. 

Dai un’occhiata ai nostri tour e contattaci vuoi maggiori informazioni.

Ti aspettiamo

Alberto

Scroll to top