fbpx

My Flow

Questo è il sogno di un bambino che si era innamorato della barca a vela prima di sapere cosa fosse realmente.

by Alberto Lombardi

Il mio sogno –  scoprire il mondo e la mia Toscana con esperienze outdoor – divenne chiaro in cima al molo di Viareggio.

Questa è la storia del mio sogno, che parla di amore puro, come solo un bambino può provare.

Amore per il mare aperto, per il sole ed il vento. E per la mia Toscana. Ogni volta che con mio padre, mano nella mano, andavamo a piedi in cima al molo di Viareggio io sognavo ad occhi aperti. Con i miei occhi di bambino, osservando il mare, sognavo di scivolare via,oltre l’orizzonte con una barca a vela. Ed ogni volta provavo la stessa sensazione, e ripetevo la stessa domanda …. “riuscirò mai a veleggiare lontano?”. “Chissà, speriamo!”, diceva mio padre lasciandomi addosso quel velo di speranza.

Io ero davvero troppo piccolo e questo sogno davvero troppo grande. Ma il sogno era radicato nel profondo della mia anima, e non l’ho mai abbandonato. Gli anni scorrono, ma io continuo a sognare il mare aperto. La domanda è sempre la stessa… riuscirò ad attraversare l’Atlantico a vela? Piano piano inserisco tante piccole tessere in questo enorme mosaico.

Il boato del cannone – Las Palmas, Canarie – Novembre 2014

Mi sveglio in un attimo, sono a bordo di una barca a vela di 13 metri; stiamo facendo il conto alla rovescia per la partenza. Sta per partire una delle regate più importanti e longeve di attraversamento dell’Oceano Atlantico, l’ARC (Atlantic Rally for Cruisers) che nasce nel 1986. Alla partenza ci sono 131 barche a vela provenienti da tutto il mondo. La regata parte da Las Palmas de Gran Canaria a termina a Rodney Bay, isola di Santa Lucia, nei Caraibi.

La tensione è al massimo, il vento è fresco e le onde alte fino a 8 metri ci costringono a manovrare con la massima concentrazione.

Durante una breve pausa mi viene il dubbio che io stia sognando. Come ho fatto ad arrivare li? E ripenso al passato, e al molo di Viareggio, da dove è partito il mio sogno.

Ripenso alla mia prima piccola barca a vela, alle molteplici esperienze vissute negli anni, ai tanti amici da cui ho imparato e con cui ho condiviso l’amore per la vela, il sole, il vento ed il mare.

In realtà, questa è la mia seconda traversata dell’Atlantico, ma ho come la sensazione che questa esperienza mi cambierà profondamente. Per sempre.

La regata

14 giorni di fila. Questa esperienza è stata profonda, intensa e tutta d’un fiato. Non riesco a separare la notte dal giorno, le bonacce dalle burrasche, nella mia mente questo viaggio è durato come un batter di ciglia!

Ho passato ore guardando ammirato le onde che si mescolavano con la scia veloce e schiumosa della barca, ore ammirando il nero profondo della notte. Alcune notti erano così scure che non riuscivamo nemmeno a vedere le vele. Spesso timonavamo soltanto basandoci sulla strumentazione del vento  ed il rumore dei frangenti. Un mix di forti emozioni come gioia, paura, estasi, in una sequenza senza fine.

E poi?

Al mio rientro, sul mio viso, avevo stampato il sorriso che l’Oceano Atlantico mi aveva regalato, ma una domanda continuava a rimbalzare nella testa. Adesso che ho realizzato il mio grande sogno, cosa farò adesso? Sapevo che questa esperienza rappresentava la fine di un grande capitolo della mia vita, ma sapevo anche che un grande nuovo capitolo stava per iniziare. 

Per tenermi occupato e provare nuove emozioni, ho intensificato la mia attività outdoor con la mountain bike, trekking, corsa, nuoto, apnea profonda. Sapevo che tutto questo mi avrebbe condotto da qualche parte ma non sapevo dove. Decisi quindi di lasciarmi potare, e seguire “il mio flusso” (my flow).

Il nuovo capitolo: Tuscany Quintessence!

Dopo 2o anni di brillante carriera e una laurea in Scienze dell’Informazione, ho deciso di continuare ad assecondare il “mio flusso” e di cambiare, dedicando il mio tempo, la mia creatività, la mia esperienza, energia e professionalità in un nuovo sogno da conquistare; creare esperienze outdoor in Toscana, capaci di regalare emozioni che rimangono per sempre, e che ci aiutino a continuare a sognare.

Cosi è nata Tuscany Quintessence, con la voglia di fare bene, con passione. 

Tra i miei tour, potresti trovare proprio quell’esperienza che cercavi da tempo.  Se invece vuoi costruire un tour ad-hoc allora chiamami. Insieme costruiremo la soluzione perfetta.

Follow the flow.

Alberto

Ps. La regata l’abbiamo anche vinta! Io comunque sono quello con il cappellino.

ARC 2014 - Arietta 4.2
Scroll to top
0